Una serata da… favole

Cosa hanno in comune il serpente Leo e gli altri animali della nostra jungla?
L’amicizia: un’amicizia aldilà di tutto e di tutti.

L’amicizia rende forti. E la forza rende capaci di superare tante difficoltà. È utopia abolire la parola impossibile? Forse! Ma non è utopia unire le forze e lottare.

Forse non è un caso che la nostra serata da AMICI DA FAVOLE si sia svolta a Maglie: una catena che si allunga, maglia dopo maglia. Una catena fatta di braccia tese, di voci che si uniscono e formano un coro, di persone tanto lontane e non solo geograficamente, ma che pure hanno un cuore che batte all’unisono e non hanno difficoltà a superare le tante barriere. A cominciare da quelle burocratiche, che sono intralcio alla vita di tutti e ancor di più alla vita di chi non riesce ad aprire appieno le proprie ali e spiccare il volo.

Così, la Città di Maglie, il Liceo delle Scienze Umane Aldo Moro, Adelfiautismo, Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici e tanti altri amici hanno voluto celebrare la forza di questa catena e vivere una serata magica.

Condotto per mano dall’amico Roberto Inciocchi, giornalista e conduttore di SKY TG24, con la regia sapiente degli operatori dei nostri centri, con la voce armoniosa di Dionisia Cassiano, accompagnata al piano da Francesco Negro e quella calda e coinvolgente di Fabrizio Pugliese, che ha letto le favole, ma soprattutto con la spontaneità dei nostri ragazzi il numerosissimo pubblico intervenuto ha mostrato di gradire e di interessarsi, lasciandosi coinvolgere anche dagli interventi della nostra Presidente, Fiorella Di Lollo, di Chiara Saracino, Angela Avantaggiato e Simona Colella, operatrici dei CDSER e di Maria Mazzone, Presidente Onoraria e fondatrice de L’Adelfia.

 

 

I saluti del Sindaco di Maglie, dott. Ernesto Toma, del professore Leonardo Riso,delegato della Dirigente dell’Istituto hanno avuto il sapore dolce della condivisione e non quello freddo del dovere di circostanza, ulteriore segnale che si può fare rete e vincere una battaglia di cui ognuno è protagonista, come espresso anche da alcuni studenti dell’istituto, intervenuti per esprimere le loro opinioni!